TM VIAGGI
 
 

 

Sri Lanka è l’ isola delle meraviglie! Nel suo ridotto territorio (lunga solo 430 Km larga 225) riesce ad offrire una varietà davvero disarmante di bellezze: foreste rigogliose, cascate, laghi, animali selvaggi, templi spettacolari, città leggendarie e chilometri di spiagge delimitate da palme da cocco. Quest’ isola, è un vero e proprio Eden, anche se purtroppo il nord del paese rimane ancora off limits per la lunga guerra di logoramento con la minoranza Tamil. Ma se la zona nord è inaccessibile ai turisti, va comunque precisato che nel resto del paese si possono effettuare vacanze del tutto tranquille. A Sri Lanka si incontrano storia e leggenda, da qui parte il Buddismo classico che ha mantenuto la sua caratteristica dal III secolo a.c. sino ad oggi, e l’ induismo, altra grande dottrina religiosa dell’ isola, si esprime attraverso i colori delle statue e delle immagini. Secondo la leggenda, è in questa terra che si rifugiarono Adamo ed Eva dopo essere stati scacciati dal Paradiso, tanto che sulla cima del Picco di Adamo si trova un’ enorme “orma” che secondo i mussulmani sarebbe stata impressa dal piede di Adamo, che stette in piedi qui ad espiare i peccati commessi nel giardino dell’ Eden. Poco importa che i Buddisti la considerino un’ impronta di Buddha e gli Indù sostengano che è stata lasciata dal dio Shiva...! Colombo è la capitale e la città più grande dell’ isola, rumorosa, frenetica e un po’ folle. Fortunatamente i guasti, gli ingorghi stradali e i black-out elettrici vengono accolti con un’ alzata di spalle e un sorriso. “No problem” è una frase che chiunque conosce  e spesso usa! In città le cose interessanti da vedere sono poche rispetto alle altre parti dell’ isola, tuttavia è un luogo abbastanza pittoresco e vale la pena di visitarlo per vedere il motore che muove gli ingranaggi del paese. Sparsi nella città,Templi induisti, moschee, chiese cristiane e qualche esempio di moderna architettura. Gli amanti del turismo culturale non dovrebbero perdere il National Museum con la sua bella collezione di opere storiche. La vita notturna è pressochè inesistente. Lasciando la capitale, 180 Km verso Nord,  si incontra il complesso monastico di Dambulla, formato da tre grandi caverne e due cavità più piccole, che ospitano oltre 500 statue.
La statua più importante è quella di un Buddha disteso, cioè dormiente, lunga oltre 14 metri. E’ un luogo di grande suggestione, intriso di vera spiritualità. Qualche anno fa, una turista (sciocca è dire poco), si arrampicò sulla statua del Buddha Dormiente per farsi fotografare: gesto profanatorio e oltraggioso. Risultato: da allora a Dambulla non si possono scattare fotografie! Proseguendo ancora a nord, Habarana, cittadina vivace e interessante, sarà la base per le visite agli antichi centri storici vicini: Anuradhapura, Mihintale e Polonnaruwa. Anuradhapura è stata la prima capitale dello Sri Lanka e con la sua gigantesca area archeologica rimane una delle testimonianze storiche e artistiche più importanti dell’Asia meridionale. Il sito più venerabile della città è il Sacro Albero del Bo, il più vecchio e storico albero del mondo, figlio dell’ albero sotto cui  Buddha raggiunse l’ illuminazione. Numerosissimi i monumenti: il Mahavihara, il monastero più antico e importante, risalente al primo Buddhismo,  il Jetavana Vihara, il più alto e possente monastero del mondo e  il Lohaprasada, o Palazzo di Rame, risalente al II sec. a. C.,  immenso monastero a nove piani, il cui piano terreno vanta un “bosco” di 1600 colonne in pietra. La Ruvaneli Dagoba, cittadella reale, mostra il Dagoba (tempio a forma di campana, santuario e reliquiario) più famoso di tutto il paese. La cupola misura oltre 50 metri con 250 metri di circonferenza. Poco fuori Anuradhapura si trova Mihintale, luogo in cui si è formato il buddhismo cingalese. Una scalinata di ben 1.840 gradini porta ai vari monumenti di culto: grandiose Dagobe e vasche scavate nella roccia con sculture di favolosi animali. Polonnaruwa, seconda tra le capitali cingalesi, conserva monumenti memorabili. La città è famosa per i suoi templi dedicati a Buddha e le sculture che lo raffigurano. Luogo straordinario di meditazione è il Gal Vihara, un grande anfiteatro di granito, sulle cui mura sono state scolpite 4 immagini di Buddha: disteso, in piedi, in meditazione e seduto. Consigliabile la visita al tramonto così da poter ammirare le statue alla luce del tramonto fuoco: l’ atmosfera è assolutamente magica, quasi sacra! Ritornando verso sud, al centro di una pianura coperta di vegetazione selvaggia, sorge imponente e alta, sopra un enorme zoccolo di pietra alto oltre 200 metri, Sigirya. In questa fortezza naturale, un re pazzo e sanguinario fece costruire il suo Palazzo e visse per 18 anni una vita dissoluta. La salita, per andare ad ammirare i resti del Palazzo Reale, una volta costituita da una lunga scalinata ricavata nella roccia ora sostituita da scale metalliche strette e da capogiro, è faticosa, ma lo spettacolo è davvero meraviglioso. Costruita intorno ad un pacifico lago, incastonata in un pittoresco cerchio di colline ecco Kandy roccaforte della fede Buddhista oltre che terza, e ultima, capitale dei regni singalesi.
L’attrazione più spettacolare è il Tempio del Dente, ove è conservata la reliquia religiosa più preziosa dello Sri Lanka: il dente sacro di Buddha.
Ogni giorno si svolgono cerimonie in omaggio alla reliquia che richiamano pellegrini vestiti di bianco che portano fiori di loto e di frangipani. Ma la festa più famosa si svolge in estate: un elefante, fastosamente agghindato,
trasporta per la città una riproduzione del Tempio, circondato da canti e balli. Assolutamente da non perdere anche i bellissimi Giardini Botanici dove troneggia un enorme ficus beniamino che si dice sia il più grande del mondo. Da Kandy partono numerose escursioni verso l’ altopiano centrale, regione montuosa dalla natura prorompente, addolcita dalle piantagioni di the che arrivano sin oltre i 2000 metri. Qui, a 1900 metri di altitudine sorge Nuwara Eliya, il cui nome significa appunto “oltre le nuvole”, piccolo angolo di Inghilterra e rinomata stazione climatica nel secolo scorso. Da qui si parte per raggiungere Il Picco di Adamo (già citato inizialmente) che non è facile da raggiungere, ma durante il tragitto (circa 3 ore) una sosta per ammirare il paesaggio circostante ripaga della fatica. E dall’ alto del Picco si gode di un panorama tale da indurre in uno stato ipnotico anche il più incallito degli agnostici! Dopo il tour possibilità di rilassarsi in una località di mare magari facendosi “coccolare” e viziare in uno dei numerosi centri “Ayurveda” dove sarà possibile usufruire di trattamenti rilassanti, rigeneranti e purificanti. Hikkaduwa è la località balneare maggiormente sviluppata dell’ isola, è un buon posto per lo snorkeling  e c’ è una riserva corallina molto bella e facilmente accessibile. Bentota, in posizione romantica e suggestiva, dove il mare e il fiume si congiungono, è un luogo ideale per una vacanza divertente, ma al tempo stesso ricca di spunti naturalistici. Wadduwa, immersa nel verde, è un tranquillo centro turistico dalle acque invitanti e cristalline e dalla lunga spiaggia, che offre relax totale e possibilità di escursioni nei dintorni. Sri Lanka riesce a regalare ad ogni visitatore qualcosa di unico e speciale!

CLIMA: equatoriale umido regolato da flussi monsonici. La stagione delle piogge va da Maggio ad Agosto sulla costa occidentale, da Novembre a Febbraio su quella orientale. Il monsone comunque è assai lieve, l’ unico inconveniente può essere soltanto una tiepida “doccia” imprevista. Da non dimenticare un capo più pesante per le zone di montagna dove le temperature sono sempre più basse.

 
 

C/so Castelmonardo 115/117 - Filadelfia (VV) Italy - Tel. +39 0968 723813 - Fax +39 0968 723942
info@tmviaggi.com -
www.tmviaggi.com

made by www.giacomo.ch